La Signora che ama i gatti dal folto pelo tigrato, e le gatte dagli occhi verde prato, cammina gobba intorno alla casa. Una casa ricoperta d’edera e fiori di glicine e lillà e quanto miagolare. Di un preciso dovere verso piccole anime con la coda, piccole anime con pelo e fusa pretenziose. Un dovere ad ingannare il tempo che preme su una vita troppo breve. Gatti che si mescolano a mensole di armadi non del tutto chiusi, occhi affamati di brodo e calore. La zia Fosca, la gattara di Bernago alta, vive sette vite come i suoi gatti, una trentina di gatti allineati ogni giorno tra le gambe inseguendo l’ombra, in fila ordinata tra i suoi pensieri. La morte e la nascita la conosce quante volte ha preparato piatti ai suoi gatti. Gatta donna, donna gatta, schiva come una gatta. La gattara ha rimediato la mancanza di una famiglia di vociare bambino, con gatti nati, affamati gatti malati e rinati, ha trovato l’elisir di lunga vita nel folto pelo di un gatto nero.

20180527_083907

Annunci

L’UOMO SCALZO Oggi nevica e l’uomo scalzo non se ne accorge, sale la strada per la collina vestito di bianco come la neve. Ai piedi solo il cuoio della sua pelle, una pelle ruvida. Oggi sono sbocciati i primi ciliegi, l’uomo scalzo non se ne accorge, sale il vicolo della funicolare vestito di bianco come i petali sparsi dei ciliegi. Ai piedi solo il cuoio della sua pelle, la pelle dura. Oggi il sole illumina e scotta, l’uomo scalzo non se ne accorge, cammina lungo le mura del paesello vestito di bianco come la pelle appartata dal forte sole. Ai piedi solo il cuoio della sua pelle arsa. Oggi la prima foglia del platano è scesa, l’uomo scalzo non se ne accorge, cammina e s’inoltra nel bosco vestito di giallo come le foglie d’autunno. Ai piedi solo il cuoio della sua pelle ormai matura.

Bastia 041-001

La lontananza balla un tango avvelenato, lontani i nostri corpi riprendono passione. Pensieri amorosi in due occhi accesi attratti in vortici mai sognati, un tango senza fine passi lontani per riprendersi in pensieri ardenti impensabili mirando lì di desideri mai svaniti. La lontananza un lago ghiacciato, assenza di visi scivolati in acque gelide, all’incontro con bollente scrosciare di acque infinite, io annegata nelle tue caldi braccia in un tango solo nostro.

recovered_jpeg digital camera_205

E’ COSI’ Come faceva a sapere tutto, lei sentiva e sapeva, sapeva sempre tutto e lo sapeva, come suo padre, sentiva tutto mentre le stava anche solo accanto seduto, e nel silenzio capiva, lui sapeva e sentiva cosa pensava lei… E’così che poteva capire, sapeva e basta, non le serviva una parola un libro, uno sguardo, non le serviva nulla delle cose terrene, lei sentiva e quindi sapeva, l’aurea simbiotica avvolgeva ogni minimo movimento, ogni mimino pensiero e sentimento, sapevano insieme e stavano bene, l’uno accanto semplicemente così come ora sono con te, senza parola e senza passi anche lievi una calma dentro il mondo, il suono dell’amore per sempre, il rumore del sentiero che si percorre, tra fiori e foglie , il rumore dell’altro, lei sapeva come stare bene e non voleva finisse mai. E’così.

e così